Dipendenza affettiva

La DIPENDENZA AFFETTIVA(DA) è una modalità patologica di vivere la relazione, in cui la persona dipendente arriva a negare i propri bisogni ed a rinunciare al proprio spazio vitale pur di non perdere il partner, considerandolo unica e sola fonte di gratificazione nonché fondamentale fonte di “amore” e cura.

Si tratta di una forma di amore ossessivo, simbiotico e fusionale che viene vissuto alla stregua di una droga. Effettivamente l’innamoramento e la tossicodipendenza hanno molte analogie.

Partendo dalle analogie riscontrate con la dipendenza da sostanze, è stata proposta una definizione diagnostica della love addiction, basata sulla durata e sulla frequenza della sofferenza percepita, essa si presenta come:

Un modello disadattivo o problematico della relazione d’amore che porta a deterioramento o angoscia clinicamente significativa, come manifestato da tre (o più) dei seguenti criteri (che si verificano in ogni momento, nello stesso periodo di 12 mesi):

  • Esistenza di una sindrome da astinenza per l’assenza dell’amato, caratterizzata da significativa sofferenza e un bisogno compulsivo dell’altro;
  • Considerevole quantità di tempo speso per questa relazione (in realtà o nel pensiero);
  • Riduzione di importanti attività sociali, professionali o di svago;
  • Ricerca della relazione, nonostante l’esistenza di problemi creati dalla stessa;
  • Esistenza di difficoltà di attaccamento, come manifestato da uno dei seguenti:

– ripetute relazioni amorose esaltate, senza alcun periodo di attaccamento durevole;

– ripetute relazioni amorose dolorose, caratterizzate da attaccamento insicuro.

  • Persistente desiderio o sforzi infruttuosi di ridurre o controllare la propria relazione.

Con il passare del tempo tutto inesorabilmente inizierà a ruotare intorno al partner; solitamente sia gli interessi che gli hobby vengono progressivamente abbandonati e il fulcro dell’esistenza diventa il partner; anche il rendimento lavorativo diminuisce perché la persona ha la mente costantemente occupata dai suoi problemi sentimentali e trascorre molto tempo a rimuginare per cercare di risolverli.

Si può guarire da tutto questo? Si, assolutamente si.

Non solo “si può” ma “bisogna”.

Piano piano si creano le basi perché i pazienti possano da un lato formare relazioni affettive basate sulla reciprocità in cui sentirsi finalmente amati e accettati. In contemporanea si aiuta a capire come è indispensabile un senso di amabilità e valore personale, accompagnati da un senso di attività anche quando tali relazioni mancano.

Dott.ssa Alice Broggio

tel. 3669968845

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...